Ugento

Ugento sorge maestoso su di una collina quasi a dominare il suo esteso feudo di 98,72 Kmq. e a fare da cornice alla bellezza storico-artistica vi sono sconfinate estensioni di uliveti che ne caratterizzano la risorsa principale del territorio. Ugento vanta la bellezza di tre splendide marine, ossia, Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini, letteralmente prese d’assalto nel periodo estivo da turisti di tutto il mondo, che puntualmente vengono a godere delle splendide e pulite acque smeraldine del nostro Mar Ionio. Le tre marine si estendono lungo un litorale sabbioso per circa 8Km. ancora allo stato naturale; ad esaltare la bellezza di queste spiagge e lo splendore delle acque vi sono le dune tipiche della zona. La costa è caratterizzata da vasti lembi di macchia mediterranea, fra i più estesi del Salento, ricoperti di orchidee selvatiche e ombrosi pini.

I molti studiosi che scrissero intorno alle origini di Ugento non si trovarono mai d’accordo circa il periodo della sua fondazione, ed hanno sostenuto varie e contrastanti ipotesi; comunque, e su questo vi è unanimità di consensi, la sua origine si perde nella notte dei tempi. Fulgida testimonianza di ciò è data dai reperti archeologici di origine preistorica rinvenuti nella zona, tra cui i Menhir: monumenti megalitici, legati a pratiche religiose e a culti in onore del sole costituiti da snelli e splendenti pilastri monolitici conficcati direttamente nel terreno. Due esemplari possono essere ammirati, ancora oggi, nella periferia dell’ abitato della frazione di Gemini e nella masseria di Terenzano. Degni di nota sono anche i Dolmen, monumenti funebri, tali monumenti sepolcrali andarono irrimediabilmente distrutti in conseguenza dello smacchiamento della zona da parte di ignari contadini.
Intorno al 1500-1000 a. C. si insediarono nella zona i Messapi; segno indelebile di tale insediamento sono le importanti Mura Messapiche il cui perimetro misurava circa Km. 4..900, con una superfice urbana di circa 145 Ha; lo spessore, ancora oggi visibile in alcuni tratti, misurava circa tra i 6 e gli 8 metri e risultano costruite con l’ impiego di grandi massi squadrati e ben assestati. Si è potuto inoltre stabilire, con un rilievante grado di certezza, che per tutto lo sviluppo delle mura si potevano contare numerose torri.

Fonte: Comune di Ugento