L’antica necropoli cancellata per un campo di calcetto


L’antica necropoli cancellata per un campo di calcetto

La necropoli, in alto era formata da rare tombe con camera e una grotta destinata ad ancestrali riti religiosi. L’impianto sportivo, in basso, sorge nel cortile del palazzo dei missionari di San Vincenzo, zona sottoposta a vincolo archeologico.

Una partita di calcetto vale più di una necropoli messapica risalente al III secolo avanti Cristo? Probabilmente sì, visto che a Oria, in provincia di Brindisi e nel cuore del Salento, un sito archeologico composto da quindici tombe con corredo funebre è stato cancellato per lasciare spazio a un campetto da calcio a cinque. Fatto ancora più singolare è che l'impianto sportivo sorge nel cortile del palazzo dei missionari di San Vincenzo sul colle di Sant'Andrea, una zona sottoposta a rigidi vincoli dettati da un decreto del 16 marzo 1998 a firma dell'allora ministro ai Beni culturali e ambientali, Willer Bordon, che poneva inviolabili limiti di edificabilità tuttora in vigore.



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:55
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati