Rukku.it

I turisti trattati a pesci (surgelati) in faccia


I turisti trattati a pesci (surgelati) in faccia

Il 16 e 17 Luglio, i Carabinieri del NAS, dopo accertamenti e controlli presso aziende ristorative nel Comune di Gallipoli, hanno ricontrato parecchie irregolarità igienico-sanitarie e, in alcuni casi, l'assenza dell'obbligatorio piano di autocontrollo HACCP. In un paio di casi hanno contestato la Frode in commercio in quanto somministravano ai propri clienti pesce surgelato che, pero, spacciavano per prodotto fresco locale. Sono state ritrovati nei congelatori (in carenti condizioni igieniche), cozze congelate del Cile, gamberoni Scozzesi e pesce spada dei mari d'oriente. Nulla di strano nel preparare pietanze da alimenti surgelati, se non fosse per il fatto che far credere al cliente una cosa per un'altra si chiama frode. Ora che questa notizia è saltata fuori, esplode lo sdegno ed anche la rabbia di chi lavora onestamente, e sa di essere stato in qualche modo "disonorato" dal mal comportamento del collega. In verità non si conoscono i nomi delle attività coinvolte; per questo, a mio avviso, sono diventati tutti un pò colpevoli. Il sospetto ricadrà su tutti i ristoratori della zona con (mi auguro di no) ricadute sull'mmagine dell'intero territorio. I turisti, da qualunque zona provengano, vanno accolti con sincera onestà. Solo così potranno ritornare nel Salento e/o mandarci i loro amici. Il "pollo spennato ed ingannato" credete che ritornerà?



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:55
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati