Degrado ed incuria anche per la segnaletica stradale.


Degrado ed incuria anche per la segnaletica stradale.

Lecce, via Petrarca, ma potrebbe essere qualsiasi altro comune dedito a tartassare i cittadini con le famigerate "strisce blu" su gran parte del centro urbano. Le foto parlano da sole: siamo paradossalmente di fronte agli uffici della concessionaria per la riscossione del comune di Lecce di TOSAP e imposta sulle affissioni; un palo della segnaletica stradale giace in terra, non si sa da quanto tempo, dietro i bidoni dell'immondizia, ma l'ausiliario del traffico è sempre in agguato con il suo taccuino, pronto con in mano la penna o i più moderni palmari digitali a segnalare l'omesso o il ritardato pagamento anche se il segnale non è visibile, o forse si potrebbe meglio dire, di fatto non c‘è più.
Storie di ordinaria (mala) amministrazione che vengono segnalate a Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti" e che portiamo all'attenzione della cittadinanza affinché possano essere da stimolo per i Nostri amministratori che, purtroppo, sono troppo spesso distratti in danno dei cittadini a cui non dovrebbe essere addebitata alcuna colpa, o meglio, elevata alcuna multa se non dovessero aver pagato il "grattino" perché la segnaletica, in effetti, non c'era più, come sovente accade.


Lecce, 26 febbraio 2011
Giovanni D'AGATA



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:55
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati