Rukku.it

Notte della Taranta 2014 - Programma

Manca pochissimo al morso della tarantola, ancora qualche mese per rivivere i suoni e i colori delle lunghe notti salentine.


Notte della Taranta 2014 - Programma

Sembra non essersi mai fermata la grande macchina della Notte della Taranta. L'estate si avvicina e con lei l'evento verso cui si concentra la bella stagione salentina, culla del folklore e della fusione di linguaggi apparentemente differenti. Sono passati poco più di 6 mesi dall'ultimo grande appuntamento che si svolge da ormai 16 anni a questa parte e si conclude nella splendida cornice del borgo di Melpignano l'ultimo sabato del mese di agosto. Dolmen e mehrin di epoca preistorica fanno da sfondo al rito della simbolica liberazione dal morso della tarantola. E un motivo in più per riscoprire le bellezze lasciandosi guidare dai profumi e i suoni della nostra terra ve lo offriamo noi, con una super offerta per vivere da protagonista la lunga notte della Taranta e non solo: in unico pacchetto un soggiorno di una settimana nel Salento con incluso il mega concerto di Melpignano! 

"La Notte della Taranta" è ormai il più grande festival d'Italia e una delle più significative manifestazioni sulla cultura popolare in Europa. Fondato sulla riscoperta e la valorizzazione della musica tradizionale salentina e sulla sua unione con altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla musica sinfonica, coinvolge ogni anno nella grande serata finale del Festival oltre 200mila spettatori, giunti da tutta Italia e dall'estero, in una lunga notte di musica e ballo. Ma non si tratta solo di questo: i giorni che precedono il grande evento finale sono dedicati all'incontro e alla ricerca fra culture, tradizioni e innovazioni musicali, una rassegna che si dispiega in concerti proprio nei luoghi della tradizione, accompagnati da eventi collaterali, come mostre e workshop. Ogni edizione il festival presenta infatti una parte itinerante attraverso tutti i Comuni della Grecia Salentina (Carpignano, Calimera, Salentino, Corigliano d’Otranto, Castrignano dei Greci, Martano, Cutrofiano, Martignano, Sternatia, Melpignano, Zollino, Soleto) e si svolgono altri concerti presso i comuni di Cursi, Alessano e Galatina, con le esibizioni dei più significativi gruppi del tradizionale panorama salentino e della scena internazionale. Dal 2007 inoltre una tappa del festival tocca anche i Comuni di Otranto ed Andrano.
Sono le notti che preannunciano la festa, tutte da vivere sotto il cielo del Salento al suono dei balli tradizionali, prima dell'esplosione di suoni e colori, nella notte salentina più lunga, quella del Concertone finale. Un evento totalmente gratuito che anche quest'anno attende circa 300mila persone a Melpignano, il paese "culla" della Taranta per il concertone finale che quest'anno si terrà con tutta probabilità il 30 agosto, come sempre nel piazzale dell'ex Convento degli Agostiniani.

Merito della kermesse, il Salento è diventato nel giro di pochi anni una tappa fondamentale per migliaia di appassionati di musica di tutte le età, per i quali la Notte della Taranta non può che essere un richiamo irresistibile, uno degli appuntamenti musicali più popolari soprattutto tra i giovani italiani. In più, accanto ai gruppi di musica popolare nel corso degli anni si sono aggiunti sempre di più grandi interpreti della scena nazionale e internazionale. 
Noa, Franco Battiato, Francesco De Gregori, Buena Vista Social Club, Lucio Dalla, Carmen Consoli, Max Gazzè, Vinicio Capossela sono solo alcuni dei grandi nomi della musica saliti sul palco del Concertone. E non sono mancate le stelle salentine come Emma, Alessandra Amoroso, Apres la Classe, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Sud Sound System, e naturalmente Pino Zimba e Uccio Aloisi

Ogni anno anche la direzione artistica del Concertone è affidata a grandi nomi del panorama internazionale: Daniele Sepe, Piero MIlesi, Joe Zawinul, Vittorio Cosma e l'ex Police Stewart Copeland. Grazie al maestro Ambrogio Sparagna è nata l’Orchestra Popolare La Notte della Taranta dal 2004. Nel 2007 è stato Mauro Pagani a prendere le redini dell’Orchestra curando la direzione artistica del Concertone dell’edizione 2007. Hanno ricoperto questo incarico recentemente il pianista Ludovico Einaudi, il musicista bosniaco Goran Bregovic e durante l'ultima edizione il compositore Giovanni Sollima.

Ma la Notte della Taranta si conferma ambasciatrice della nostra cultura in ogni parte del mondo e in luoghi prima inesplorati a livello musicale. E così l'Orchestra Popolare si è esibita il 24 gennaio al Teatro del Museo Nazionale di Kuwait City, nell'ambito della XX edizione della rassegna Al Qurain Festival, uno dei principali eventi culturali e artistici del Paese asiatico e organizzato dal National Council for Culture and Arts del Kuwait.
Spiega Massimo Manera, presidente della Fondazione "La Notte della Taranta": "Si tratta di un nuovo corso  intrapreso dalla Fondazione: puntare all'estero per attirare ed intercettare nuovi flussi di visitatori proponendo la cultura del Salento: a tal fine si stanno costruendo  durante il corso dell'anno altri appuntamenti di prestigio per l'Orchestra Popolare." Come quello del Carnevale di Venezia, dove l'Orchestra Popolare il 27 febbraio ha aperto la rassegna "Le Notti dell'Arsenale", presso l'antico cantiere della Serenissima. 
Appuntamento quindi ad agosto, venite insieme a noi alla Notte della Taranta? Dai che manca poco per farsi pizzicare! 

 

LA NOTTE DELLA TARANTA, ECCO GLI OSPITI DEL CONCERTONE

BOMBINO A “LA NOTTE DELLA TARANTA” CANTA “LU RUSCIU DE LU MARE” ANCHE IN TAMASHEG

Sarà tra gli ospiti del Concertone finale di Melpignano, il 23 agosto, insieme a Glen Velez, Lori Cotler, Avi Avital, Fratelli Mancuso

Dopo aver spopolato a Coachella, il festival di musica indie più prestigioso del mondo, Bombino, il nomade del rock, arriva  a “La Notte della Taranta”. Interpreterà “Lu Rusciu de lu mare”, uno dei brani più noti della tradizione salentina,  mescolando la pizzica con il suo desert-rock,  in cui la malinconia del blues incontra l’elettricità del rock e i suoni della sua terra.  Parte del brano sarà cantato in tamasheq, la lingua parlata dalla tribù tuareg a cui appartiene il cantante del Niger, ribattezzato dalla critica come il “Jimi Hendrix” del deserto.   La Rivelazione mondiale della world music, porterà sul palco di Melpignano una preziosa testimonianza della  cultura nomade africana   che incontra  la cultura e la tradizione popolare salentina. Insieme a Bombino, tra gli ospiti del Concertone  anche il percussionista statunitense Glen Velez,   vincitore di un prestigioso Grammy Award  nel 2001 a cui va il merito di aver contribuito in maniera determinante all’introduzione del tamburo a cornice nella musica moderna, dal jazz al rock, alla musica etno-folk.  Sul palco de “La Notte della Taranta” si esibiranno anche la cantante  americana Lori Cotler, conosciuta per i suoi virtuosismi vocali e l’astro nascente  nel firmamento mandolinistico internazionale  Avi Avital. L’artista israeliano è stato   il primo mandolista nella storia dei Grammy Award a ricevere nel 2010 la nomination “Best Instrumental Soloist”. Ospiti del Concertone anche i Fratelli Mancuso, vincitori alla mostra di Venezia con la colonna sonora di “Via Castellana Bandiera”,   Roberto Vecchioni e Antonella Ruggiero.  Tutti gli artisti saranno chiamati a reinterpretare i brani della musica popolare salentina insieme all’Orchestra Popolare La Notte della Taranta, diretta  per il secondo anno dal maestro concertatore Giovanni Sollima. Nell’edizione 2014, per la prima volta ci sarà il corpo di ballo diretto da coreografo Miguel Angel Berna.  La manifestazione di musica popolare più importante d’Europa,  sarà trasmessa  integralmente in esclusiva su Rai5 e Radio2 Rai a partire dalle 22.30.



  • Chiara_Pis
  • Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2014 - 10:30
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati