Rukku.it

No alle trivellazioni petrolifere nel Salento

Firma la petizione online


No alle trivellazioni petrolifere nel Salento

NOI NON VOGLIAMO QUESTO... IL NOSTRO FUTURO E' IL MARE

TRIVELLE NELLO JONIO: E’ sempre più incombente la minaccia di veder spuntare le trivelle nel mar Jonio: questa volta è la Shell che ha presentato al Ministero la richiesta di autorizzazione ad effettuare saggi miranti ad accertare la presenza di giacimenti di petrolio o gas nelle profondità marine. Dopo le massicce proteste di cittadini ed amministratori dei comuni e dei territori ( isole Tremiti in prima linea) che si affacciano sull’Adriatico, contro analoga autorizzazione a suo tempo concessa dal passato governo (Ministro Prestigiacomo), vedremo se la stessa determinazione sapranno dimostrare gli abitanti e le istituzioni del litorale ionico-salentino, tutto interessato all’intervento, da Leuca alla
Basilicata. In questa regione sono già da tempo mobilitati e attivi Comuni, Province, associazioni e comitati.
E’ opportuno ricordare che in passato più volte i Verdi di Manduria hanno dato l’allarme, invitando a mobilitarsi in difesa del territorio. Per non parlare degli articoli di stampa, in data
17/05/2010 i Consiglieri comunali de Bartholomaeis e Perrucci, anche alla luce di quanto da poco accaduto in Louisiana, presentarono una mozione in cui, tra l’altro , si chiedeva al Sindaco
Tommasino di farsi promotore presso tutti gli altri sindaci dei comuni jonici di un’iniziativa comune, volta a scongiurare il pericolo. La mozione fu bocciata in Consiglio dalla maggioranza
di centro-destra. Ripresentata un anno più tardi, quando ormai le proteste sull’Adriatico erano di dominio pubblico, subì analoga sorte. Oggi rinnoviamo l’appello a manifestare subito, in tutte le
forme possibili, attraverso canali istituzionali e non, una netta opposizione a che si inizino le ricerche. Rinviare, sperando nell’esito negativo delle stesse, significa volersi affidare alla sorte,
che, in casi come questo, è la più stupida delle opzioni, e significa ignorare che le indagini stesse, per i metodi con cui vengono effettuate, sono estremamente pericolose. Come prima cosa, ci
sembra opportuno, entro il 20/01/2013, sommergere il Ministero dell’Ambiente di osservazioni, che possono essere presentate da tutti i portatori d’interesse, tra i quali le Amministrazioni, le
associazioni, i sindacati, gruppi di cittadini. Ciascuno saprà sicuramente esprimere le sue, noi ribadiamo in sintesi le nostre.

1. Il Mediterraneo, chiuso e privo di forti correnti, non è immune dall’inquinamento da idrocarburi: le attività estrattive ed esplorative già ora immettono in esso 300.000 mila
tonnellate di petrolio. Quello che eventualmente si nasconde nei suoi abissi è scarso e di cattiva qualità, per cui richiede procedimenti di raffinazione lunghi e altamente inquinanti. Come mai le Compagnie petrolifere lo cercano? Perché le “royalties” che
pagherebbero per lo sfruttamento dei giacimenti sono le più basse del mondo.
2. Alcun tecniche utilizzate per le ricerche, come “l’air-gun”, provocano danni non ancora esattamente quantificati alla fauna marina: per questo le marinerie di Gallipoli e Porto Cesareo sono già in allarme. Il fenomeno dei cetacei che si spiaggiarono qualche anno fa nel Golfo di Manfredonia ha probabilmente origine dal disorientamento provocato in loro da queste tecniche.
3. Le attività esplorative ed estrattive tramite trivellazione possono provocare degli eventi sismici localizzati e la subsidenza delle coste, cioè un abbassamento delle stesse sul livello del mare. Che questo pericolo sia reale, lo dimostra il fatto che ogni tipo di ricerca è stato vietato nel Golfo e nella laguna di Venezia, considerati siti sensibili, grazie all’iniziativa di parlamentari della Lega.
4. Non un posto di lavoro viene creato “in loco” da questo tipo di attività, ma al contrario vengono danneggiate seriamente la pesca e le attività turistico-balneari che, in tempi di crisi come questo, sono pur sempre una boccata di ossigeno per le economie locali.
Nei prossimi giorni, solleciteremo il Commissario prefettizio ad inviare valutazioni di questo tenore al Ministero dell’Ambiente e ai competenti uffici regionali; invitiamo tutte le altre
forze politiche a fare altrettanto.

Infine, per amore di verità, vogliamo accennare al fatto che il Governo regionale, mentre ha meritoriamente appoggiato le proteste contro le trivelle in Adriatico, avrebbe invece , stando
a quanto pubblicato da Gianni Lannes sul suo giornale on-line, dato mano libera alle compagnie petrolifere per effettuare ricerche in numerosi siti di terraferma della nostra regione, tra cui Manduria. Se qualcuno pensa che questo sia un bene, si informi sul caso Ferrandina.

Esecutivo cittadino dei Verdi Di Manduria

 

Salento.com aderisce all'iniziativa dell'Associazione Ideale Anna Maria Massari - Antonio Leonardo Verri - Marianna Casto - Giorgio Di Lecce - Luigi Mura Osservatorio Torre di Belloluogo

IN DIFESA DEL MARE DELLA PUGLIA E DELLE COSTE DEL SALENTO

 

 

HA SUPERATO LA QUOTA DI 1000 FIRME LA PETIZIONE

"NO ALLE TRIVELLAZIONI PETROLIFERE NEL SALENTO"

Petizione No alle trivellazioni petrolifere nel Salento



Gallery
  • No alle trivellazioni petrolifere nel Salento - 1/4
  • No alle trivellazioni petrolifere nel Salento - 2/4
  • No alle trivellazioni petrolifere nel Salento - 3/4
  • No alle trivellazioni petrolifere nel Salento - 4/4


  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:56
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati