Rukku.it

Le Salentine alla Città del libro di Campi

Le Salentine, carte da gioco realizzate da B22 e Kurumuny festeggiano il primo compleanno


Le Salentine alla Città del libro di Campi

Sino a domenica 15 dicembre Le Salentine saranno presenti con uno stand dedicato alla diciannovesima edizione della “Città del Libro” di Campi Salentina (Le), rassegna internazionale degli autori ed editori del Mediterraneo, all'interno dello spazio A.P.E. (Associazione Pugliese Editori), allestito grazie al sostegno della Regione Puglia, che coinvolge oltre a Kurumuny anche Cacucci, Capone, Falvision, Gelsorosso, Il grillo, Mammeonline, Pensa Multimedia, Besa, Schena editore, Adda, Progedit e Secop.

Sabato 14 dicembre alle ore 19.30 le Salentine saranno presentate nell'ambito del format letterario "Le interviste possibili” programmato per dare spazio e visibilità agli autori e agli editori dell’Associazione Pugliese Editori durante la Città del Libro. La presentazione, moderata dalla giornalista Luisa Ruggio, sarà trasmessa su SalentoWeb.Tv. In occasione della manifestazione all’acquisto del mazzo è abbinato un concorso il cui premio consiste in una notte per due nella Camera “Superior” del Sanlu Hotel, situato nel tranquillo borgo di Serrano, arredato con gusto e in stile moderno, molto curato anche nei piccoli dettagli.

Giovedì 19 dicembre (ore 19.00) si festeggerà il primo compleanno delle carte presso l'antica osteria "Da Angiulino", nel cuore del centro storico leccese. Per l'occasione, sarà presentato un nuovo progetto, aperto alla collaborazione di amici e sostenitori e ideato in collaborazione con Fornelli Indecisi, concorso di cucina dozzinale. L'iniziativa mira alla realizzazione di un censimento delle puteche salentine: quelle di un tempo, vive nella memoria di chi le ha vissute, e quelle ancora attive, che pur nel mutare dei modi e degli usi hanno conservato la propria originaria natura di 'puteca'. Si tratterà di una mappa geo localizzata, accessibile dal sito dedicato, che metterà a disposizione in maniera immediata un percorso ideale delle più importanti puteche del territorio, corredato da fotografie, informazioni e approfondimenti. Chiunque abbia il piacere di collaborare al progetto potrà contribuire con la propria esperienza e la propria memoria: sul sito www.cartesalentine.it sarà disponibile un format in cui segnalare nomi e ubicazioni delle puteche, fornire informazioni sui gestori e sulle specialità servite, pubblicare descrizioni e materiale audiovisivo, condividere curiosità e aneddoti. Le sorprese, per il primo compleanno de Le Salentine, non finiscono qui. Agli amici che parteciperanno alla serata sarà presentato il Calendario Le Salentine 2014, un piccolo gadget che vi accompagnerà per l'intero anno. Per informazioni e prenotazioni 0832245146.

Infine le Salentine saranno presentate nel corso della manifestazione La poesia nei Jukebox. Dal 20 al 22 dicembre il Comune di Lecce organizza, infatti, alle Officine Cantelmo una tre giorni di percorsi tra musica e libri. Oltre 30 incontri, presentazioni di libri, cd e dvd, concerti, mostre, workshop, reading e un mercatino dedicato alle case editrici e alle etichette pugliesi. Tra gli ospiti Emidio Clementi (Massimo Volume), Davide Toffolo (Tre allegri ragazzi morti), i fratelli De Santis con un reading sul poeta salentino Antonio Verri, Canzoniere Grecanico Salentino, lo scrittore colombiano Efraim Medina Reyes, Nandu Popu dei Sud Sound System, Mario Desiati, Donatello Pisanello, il paesologo e poeta Franco Arminio e molti altri scrittori e musicisti. Info e programma www.lapoesianeijukebox.org.

Le Salentine nascono dal desiderio di creare un mazzo di carte da gioco legato al territorio e alla sua storia pur mantenendo una giocabilità pari a quella delle carte regionali napoletane, a cui si ispirano e di cui conservano la peculiarità dell’aspetto cromatico. Il mazzo è composto da quattro semi che si richiamano alla tradizione e ne diventano sintesi simbolica: le brocche (per le coppe), i lecci (per i bastoni), le tarante (per i denari) e le zappe (per le spade). Le figure del nove e del dieci sono di nuovo impianto: al posto del cavallo e del re ci sono rispettivamente l’asino e il santo. Gli abiti delle figure dell’otto e del nove di tutti i semi sono ispirati alle illustrazioni dei costumi tradizionali salentini. Il retro delle carte è una sintesi grafica del soffitto della Cattedrale di Otranto. Queste carte sono certamente uno strumento di gioco ma anche un biglietto da visita per i turisti perché la simbologia riprodotta offre cenni e riferimenti ai riti e miti, all’arte, ai costumi che poi trovano un ulteriore approfondimento nella sezione i semi. Le salentine sono state disegnate interamente a mano, realizzate e prodotte in Salento da B22 e Kurumuny. Le carte sono state stampate dall’azienda Modiano, leader nel settore, che ne garantisce l’eccellenza qualitativa.

Info
www.cartesalentine.it - www.facebook.com/cartesalentine
www.kurumuny.it - info@kurumuny.it
3299886391 | 0832801528



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:56
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati