Rukku.it

Il mare del Salento premiato con la Bandiera blu

Ben 4 i Comuni Salentini fregiati del prestigioso riconoscimento relativo alla qualità ambientale delle coste


Il mare del Salento premiato con la Bandiera blu

E poi arriva l’estate e il momento delle premiazioni. Perché quando si tratta di qualità la gara è dura e chi arriva soddisfatto al podio, diciamocelo, un po’ ci gode a guardare gli altri dall’alto in basso, sventolando la propria bandiera. Non stiamo parlando di Olimpiadi o Giochi Senza Frontiere, ma della nota “Bandiera Blu”, prestigioso riconoscimento che ogni anno fregia alcuni dei Comuni rivieraschi europei. Simbolo di tutta una serie di risultati positivi conseguiti in merito a temi di tutela del territorio, turismo sostenibile e accoglienza turistica, ma soprattutto al rispetto di specifici criteri qualitativi richiesti per le coste, le spiagge e gli approdi. Ed è proprio questo il periodo, a ridosso della stagione estiva, in cui vengono comunicati i nomi delle località europee che saranno insignite della Bandiera Blu, per aver soddisfatto i parametri qualitativi stabiliti in termini di estetica del paesaggio e servizi offerti.

Ma andiamo con ordine. La Bandiera Blu viene conferita ad insindacabile giudizio della Fee, Foundation for Environmental Education, che dal 1981, membro affiliato dell’ Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO), è un’organizzazione internazionale non governativa e no-profit che agisce a livello mondiale ed è presente in 60 Paesi nei cinque continenti. Il suo obiettivo principale è la sostenibilità ambientale attraverso la diffusione delle buone pratiche e, a tal scopo, si occupa di molteplici attività di educazione e formazione ad hoc.

Bandiera Blu, altro non è un riconoscimento internazionale previsto da uno dei tanti programmi della Fee, assegnato in questa stagione in 41 paesi, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell'ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo).

Ovviamente, non si tratta di una mera competizione tra i comuni delle province (perlomeno non soltanto), poiché il Programma, di ampio respiro ed Eco-Label ormai riconosciuto come valido sia da turisti, che da operatori turistici di tutto il mondo, mira principalmente a indirizzare le politiche e le scelte di gestione locale delle aree marine e lacustri verso un processo di sostenibilità ambientale. Ed è proprio il fine della salvaguardia del territorio a spingere la Fee ad aggiornare periodicamente i criteri del Programma, affinché le amministrazioni locali s’impegnino a risolvere le problematiche che di volta in volta interessano le zone balneari.

Ma come si fa ad ottenere la tanto ambita Bandiera Blu? Non ci sono spie e microfoni, né intercettazioni ambientali sulla spiaggia, se è questo il dubbio. La candidatura infatti è spontanea, gratuita e puramente alimentata dalla sete di qualità dei Comuni che vi partecipano, nonché da una sana competizione fra le marine, che non guasta mai. Ogni località che aspiri alla bandiera, una volta auto-candidata, deve compilare un questionario ed allegare idonea documentazione a supporto delle risposte fornite.

Il Questionario Bandiera Blu si compone di 12 sezioni (Notizie di carattere generale, Certificazione Ambientale, Qualità delle acque di balneazione, Depurazione delle acque reflue, Gestione dei rifiuti, Educazione Ambientale ed Informazione, Iniziative Ambientali, Turismo, La Spiaggia, Lo stabilimento balneare, Pesca professionale, Adempimenti). Tra queste, la qualità delle acque di balneazione è un criterio imperativo. Solo le località, le cui acque sono risultate eccellenti nella stagione precedente, possono presentare la candidatura. In merito agli approdi, infatti, il questionario recita:

 

“L'acqua dell'approdo deve essere visibilmente pulita, senza alcuna evidenza di inquinamento quali chiazze oleose, rifiuti galleggianti, scarichi o altre tracce evidenti di inquinamento.”

 

Inoltre, nel corso della stagione estiva, tutte i Comuni insigniti della Bandiera Blu, sono oggetto di visite di controllo, totalmente a carico della FEE, al fine di verificare la conformità ai criteri stabiliti dal Programma.

Saranno, infine, i lavori di una Commissione di Giuria composta dai rappresentanti di enti istituzionali (Presidenza del Consiglio-Dipartimento del Turismo, Ministero delle Attività Agricole e Forestali, Comando Generale delle Capitanerie di Porto, ENEA, ISPRA, Coordinamento Assessorati al Turismo delle Regioni, DECOS) e da organismi privati (Federazione Nazionale Nuoto-Sezione Salvamento, Sindacati Balneari SIB-Confcommercio e FIBA-Confesercenti) ad effettuare la valutazione delle specifiche secondo la norma UNI EN ISO 9001-2000.

Và ricordato che, nei venti anni di Programma Bandiera Blu, si è con piacere verificata un’evoluzione significativa e positiva delle condizioni di vivibilità dei Comuni insigniti, nonostante il generale incremento del numero di turisti che frequentano tali località.

Ed ora veniamo a noi. L’Italia fin’ora si è aggiudicata ben 246 bandiere, di cui 10 assegnate alla Puglia e 4, nello specifico, al Salento. Dal Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone infatti, arrivano, in questi giorni, ottime notizie di tripletta. La riconferma, anche per il 2013, della Bandiera Blu conferita ai Comuni di Castro, Melendugno, Otranto e Salve. “Un riconoscimento – ha dichiarato il Presidente- alle porte di una nuova stagione estiva che ci auguriamo da record,  che rappresenta il meritato risultato positivo per un lavoro svolto da tutte le amministrazioni locali e dalla Provincia di Lecce, in prima linea in tema di tutela del territorio, turismo sostenibile e accoglienza turistica. Materie in cui il nostro Salento continua a primeggiare, primo territorio della Puglia per ospitalità e flussi turistici, oramai meta delle vacanze di tutti, dagli italiani agli extra-europei, visitatori che da tempo hanno eletto la nostra terra a simbolo della nostra Regione”.

 

Cinzia Margarito

Redazione Salento.com



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:56
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati