Rukku.it

Lecce calcio la storia

“Sor” Carletto Mazzone che corre, ebbro di gioia, all’impazzata da una parte all’altra del rettangolo di gioco dello stadio “Via Del Mare”.


Lecce calcio la storia

E' certamente questo il fotogramma che resta maggiormente impresso ai - non più giovani - tifosi del Lecce. Corre il 25 giugno del 1989 (ultima giornata di campionato) e la squadra giallorossa ha appena tagliato il traguardo della permanenza nella massima serie sconfiggendo per 3-1 il Torino, condannando i granata alla retrocessione. Paolo Benedetti, Juan Alberto Barbas e Ricardo Paciocco hanno firmato il tris che sa di legittima liberazione dopo un campionato di altissimo livello - e sofferenza - che si conclude con il miglior piazzamento della storia (9° posto), complice una classifica cortissima. Nata il 15 marzo 1908 come Sporting Club Lecce, l'U.s. Lecce (nome acquisito nel 1927 con il presidente Luigi Lopez y Royo) disputa nella stagione 2008-09 il tredicesimo campionato di serie A della sua storia, impreziosita dalla conquista di due trofei: una Coppa Italia di Serie C nel 1975, e una Coppa Italo-Inglese Semiprofessionisti nel 1976. Primo approdo in B nel '29 ed ascensore con la serie C (nel 1974-75 il portiere Emmerich Tarabocchia resta imbattuto per 1791 minuti, record italiano nelle prime tre categorie del campionato) per molti anni. Il ritorno nella cadetteria che conta è con Mimmo Renna in panchina (Loddi e Montenegro a fare gol) nel giugno del 1976 dopo un testa a testa con il Benevento. A Monza (1-1 con rete di Alberto Di Chiara), con Eugenio Fascetti in panchina, arriva il 16 giugno 1985 la prima storica promozione in serie A, seguita da un'immediata, rovinosa (nonostante il bel gioco espresso) retrocessione. E' Mazzone a ricondurre i giallorossi nel gotha del calcio al termine della stagione '87-'88, regalando ai tifosi del Salento ed all'indimenticabile ed impetuoso presidente Franco Iurlano due splendide salvezze. Tra i protagonisti in campo Beto Barbas, Pedro Pablo Pasculli, Checco Moriero, Antonio Conte, Giuliano Terraneo, Marco Baroni, Gigi Garzya. Rizzolo, Baldieri, Ceramicola e company guidati da mister Bruno Bolchi regalano una nuova promozione in A nel '92 - '93 (seguita da immediato rovescio). Ma nel '95 c'è di nuovo l'inferno della "C". Solo un anno grazie alla fantastica risalita di un fiato in serie A con mister Gian Piero Ventura che si avvale delle realizzazioni di Francioso e Palmieri e delle parate di Lorieri. Da lì prende, in pratica, le mosse la cavalcata del Lecce calcio guidato dal presidente Giovanni Semeraro, sotto la cui gestione (coadiuvata dai suoi due figli) la società si dota di un management altamente professionale. Grazie ad una rinnovata impostazione torna a fiorire il settore giovanile magistralmente diretto da Pantaleo Corvino, poi diventato direttore sportivo. Javier Ernesto Chevanton, Valeri Bojinov, Mirko Vucinic, Cristian Ledesma sono solo quattro - benché tra i più eclatanti - esempi di grandissimi calciatori scoperti, fatti crescere o lanciati dal grande talent - scout nativo di Vernole. Il bomber uruguaiano è stella indiscussa del periodo di Delio Rossi sulla panchina del Lecce, che porta all'attenzione generale giocatori del calibro di Max Tonetto e Marco Cassetti (primo giallorosso a vestire l'azzurro della nazionale maggiore). Nel 2003 - '04 "Cheva" fissa a 19 marcature il tetto di reti messe a segno da un calciatore del Lecce nel massimo torneo italiano. L'anno successivo la squadra guidata da Zeman batte tutti i record in materia di gol (66 fatti e 73 subiti). Vucinic eguaglia Chevanton con 19 centri. Salvezza brillante quell'anno ed amara retrocessione (inusitato il tourbillon di tecnici in panchina inizialmente affidata a Gregucci) una stagione dopo. Per la terza volta il Lecce non abbatte il tabù che lo vuole scendere di categoria dopo tre campionati di fila in A. Il settimo approdo in A (dopo play off nel giugno 2008) reca la firma di mister Papadopulo, mentre i mattatori del gol sono Simone Tiribocchi ed Elvis Abbruscato. Cronaca sportiva a parte tre restano i nomi indelebili della storia del Lecce calcio: i calciatori Michele Lorusso e Ciro Pezzella deceduti il 2 dicembre 1983 per un incidente stradale mentre si recavano a Bari, da dove dovevano prendere un treno (paura di volare) per la trasferta di Varese; il magazziniere Antonio De Giorgi portato assurdamente via da un fulmine durante una fase di allenamento il 1° novembre 2007. A loro si deve tristemente affiancare il povero giornalista (seguiva da anni le sorti del club per un'emittente locale) Sergio Vantaggiato, assalito da due delinquenti nella metropolitana di Parigi, prematuramente venuto a mancare il 14 agosto del 2007.



Gallery
  • Lecce calcio la storia - 1/2
  • Lecce calcio la storia - 2/2


  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:57
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati