Rukku.it

Renzo Rubino

Le trasformazioni in artista di strada in incognito per ingannare il papà e la corsa per Sanremo nella carriera del giovane martinese


Renzo Rubino

All'anagrafe Oronzo Rubino, Renzo nasce a Martina Franca (Ta) il 17 marzo 1988, sin da piccolo ama esprimersi attraverso l'arte e si avvicina al teatro, alla musica e anche alla danza. A 16 anni si maschera da Mr V, pianista di strada londinese: una trasformazione che mette in atto per ingannare il padre, organizzatore di una manifestazione di artisti di strada che, inconsapevole dell'identità del figlio, gli concede una piazza nel suo paese per esibirsi.
A 19 anni legge di un concerto di Albano Carrisi dedicato alla “Madonna” che si terrà ad un’ora da Martina Franca. Carica strumenti e strumentisti in macchina e si presenta al promoter del concerto convincendolo di essere il gruppo spalla. Forma un gruppo musicale, i TKM, e diventa pianista e cantante del night club più famoso in Puglia, lo Show Girls di Fasano (BA). Dal 2008 comincia ad esibirsi sulla piazza pugliese con Pianafrasando, piccolo spettacolo musicale (voce e piano) ideato dallo stesso Rubino. 

A 21 anni vende tutto quello che ha (molto poco) e si trasferisce a Bagnacavallo (RA) per far si che la sua passione diventi anche lavoro.
Inizia a frequentare i corsi del CPM, dove incontra il suo attuale produttore artistico, Andrea Rodini, che di lui dice: “Negli ultimi anni ho ascoltato più di 4000 ragazzi. Non ho mai trovato un artista di 21 anni che abbia la forza e l’originalità di Renzo Rubino".
Con la produzione artistica di Andrea Rodini e la produzione esecutiva di Alioscia Pericoli, viene registrato il primo lavoro in studio: un cd di 7 brani (6 originali e 1 cover) dal titolo “Farfavole”. 
Oltre ad Andrea Rodini, che è stato arrangiatore del disco assieme a Renzo, hanno offerto la loro preziosa collaborazione Fabrizio Bosso, trombettista di fama nazionale e internazionale, Cico Cicognani, bassista (Vanoni, Finardi, Pausini, Nek, Casale) il batterista Pier Foschi (Jovanotti, Terence Trent D'Arby, Celentano), Andrea Libero Cito al Violino e Andrea Benineti al Violoncello.
Nel 2011, col brano Bignè, è tra i vincitori del festival Musicultura di Macerata assieme al salentino Romeus (Carmine Tundo), che sarà il vincitore assoluto della XXII edizione del festival. Sempre nel 2011 ha aperto i concerti di Antonella Ruggiero e Brunori Sas. 

Nel febbraio 2013, avendo superato le selezioni dell'Area Sanremo, partecipa al Festival nella categoria giovani, con un singolo che tratta la tematica dell'amore gay intitolato Il postino (amami uomo). La canzone si posiziona al 3º posto nella finale del 15 febbraio 2013 e si aggiudica il Premio della Critica del Festival della canzone italiana "Mia Martini" nella categoria "Giovani". Il brano vede la collaborazione del tenore David Righeschi mentre sul disco la voce tenorile è di Matteo Falcier.
Il 14 Febbraio 2013 esce il suo cd “Poppins”, edito dalla casa discografica Warner Music, con la produzione artistica di Andrea Rodini e gli arrangiamenti dello stesso Andrea Rodini, di Renzo Rubino e di Marcello Faneschi, arrangiatore, direttore d’orchestra e amico di Domenico Modugno. L'album contiene anche Il postino e una cover di Domenico Modugno, Milioni di scintille che vanta la collaborazione di Fabrizio Bosso alla tromba.
Il 1 Maggio si esibisce con grande successo al tradizionale concertone del Primo Maggio a Roma e sempre nel 2013 è il vincitore Next Generation ai Wind Music Awards e del Premio Lunezia 2013 per la qualita Musical-letteraria dell'album Poppins.
Nello stesso anno partecipa alla nona edizione del Festival teatro canzone Giorgio Gaber e torna, come ospite, a Macerata per le serate finali di Musicultura.
Nel 2014 partecipa al Festival di Sanremo 2014 nella categoria BIG con i brani “Ora” e “Per sempre e poi basta”.

 





  • Chiara_Pis
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:56
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati