Rukku.it

RAFFAELE CASARANO OSPITE A PARIGI DEL PAOLO FRESU 5ET

Due brani del sassofonista sono inoltre inseriti nella compilation Jazz al Dente, da ascoltare e da gustare


RAFFAELE CASARANO OSPITE A PARIGI DEL PAOLO FRESU 5ET

Prosegue senza sosta il tour del sassofonista salentino Raffaele Casarano, in giro per l'Italia e l'Europa a presentare il suo nuovo disco Argento, uscito la scorsa estate, e impegnato in numerosi progetti.

 

Venerdì 10 e sabato 11 dicembre al Sunset di Parigi Raffaele Casarano sarà al fianco del quintetto di Paolo Fresu, il trombettista sardo che con la sua neonata etichetta Tuk Music ha prodotto, in collaborazione con My Favorite Records, Argento, il nuovo lavoro del sassofonista che unisce in maniera del tutto spontanea il jazz, il rock, il flamenco (un leggero profumo di Spagna che pervade tutto il disco) e l'elettronica. Accanto a sferzate di pure energia come "Trilogy" e "Binario X" convivono spontaneamente momenti di grande lirismo melodico in brani memorabilia come "Signora Luna" e "Via dei Corbezzoli". Capitolo a parte è invece "Da lontano" dove il testo e la voce della giovanissima Carla Casarano (sorella di Raffaele) hanno il caldo sapore del Mediterraneo, del Sud più passionale.


Due brani del sassofonista sono stati inoltre inseriti in Jazz al Dente, la prima compilaton da ascoltare e da gustare pubblicata da My Favourite Records. Di che si tratta? Di jazz Italiano, beninteso, poi di cucina, insomma, semplicemente dell'arte di vivere. Semplicità e piacere caratterizzano questa scena Italiana piena di talento: una musica umile ma raffinata, solare e allegra, si potrebbe dire che è da godere, interpretata da artisti dietro i quali si nascondono, a sorpresa, altrettanti cuochi. La musica e la tavola hanno questo in comune: il dono di se stessi, il condividere, l'espressione essenziale di una forma di generosità a destinazione degli altri. Si, la cucina Italiana e il jazz di questo paese sono popolari, nel senso che caratterizza un'attitudine piena di verità e di nobiltà. Nel primo cd ci sono 14 brani musicali di artisti come Paolo Fresu, Gianmaria Testa, Fabrizio Bosso, Musica Nuda, The Dining Rooms, Fausto Mesolella (Avion Travel) nel secondo Cd gli stessi artisti raccontanto, recitano, a volte cantano, altrettante ricette gastronomiche. Casarano propone con Don Pasta la ricetta salentina "Ciceri e tria". Un doppio cd ottimo per preparare una cena tra amici per poi godersela con una colonna sonora più che perfetta. Il cd contiene inoltre un ricco booklet con tutte le ricette corredate da disegni originali dello stesso artista che ha ideato la copertina.

Lunedì 13 dicembre Casarano sarà, invece, al Carambolage Club di Bolzano con il trombettista Luca Aquino per Strike. Questo progetto è il suono mediterraneo che rincorre gli spazi del nord Europa, è Oslo baciata dal sole italiano, è l`unione tra Sannio e Salento, è l`idea di un salto nei colori scandinavi rivisitati con pennelli italiani, degni di ammirevole tradizione. I due musicisti miscelano la loro originale, personale e già matura voce strumentale ad attrezzature elettroniche quali loop stations, multieffetti e loop ritmici. Il duo, prendendo spunto dagli insegnamenti dettati dall'ultimo Miles, con brani originali colmi di pathos e dolcezza ma non privi di imprevedibili picchi di irruenza e vulcanica energia, allontanano la musica da congetture e consueti pattern stilistici. Semplicemente emozionante, affascinante, dannatamente bello.


Raffaele Casarano si avvicina allo studio del sax all'età di sette anni con una forte passione per la musica, in particolare il jazz, intraprende gli studi presso il Conservatorio "N. Piccinni" di Bari. Si diploma nel 2004 presso il Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce, studia successivamente jazz con Roberto Ottaviano, frequenta inoltre master classe con artisti come Dave Liebman, Emiliano Rodriguez, Maurizio Giammarco. "Argento", nuovo lavoro discografico del sassofonista targato Tǔk Music, etichetta di Paolo Fresu, conclude la trilogia del progetto Locomotive dopo "Legend", disco d'esordio (Dodicilune, 2006) totalmente acustico e con la partecipazione dell'Orchestra Sinfonica del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce, e "Replay" (Universal, 2009). Ha collaborato ed inciso con Philip Catherine, Buena Vista Social Club, Paolo Fresu, Javier Girotto, Massimo Manzi, Andrea Braido, Giovanni Imparato, Lincoln Goines, Mark Soskin, Benjamin Henocq, Mimi Verderame, Yuri Goulbev, Tino Tracanna, Maurizio Giammarco, Roberto Ottaviano, Eddy Palermo, Meridiana multi_jazz orchestra, Andrea Pozza, Gianluca Petrella, Patrizia Conte, Ensemble Notte Della Taranta, Franco Califano, Negramaro, Moni Ovadia, Anonima folk, Riccardo Pittau, Opa Cupa, Manigold, Vertere String 4tet, Marian Serban, Après La Classe, Bachire Gareche, Dario Muci. Raffaele Casarano è direttore artistico del Locomotive Jazz Festival giunto nel 2010 alla sua quinta edizione. In questi anni ha ospitato, tra gli altri, Paolo Fresu, Cesare Dell'Anna, Cuong Vu, Donpasta, Soweto Kinch, Cesko, Roy Paci, Sheila Jordan, Attilio Zanchi, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le, Franco Califano, Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, Borgia Big Band, Danilo Rea, Daniele Scannapieco, Massimo Manzi, Fabrizio Bosso, Miles Okazaki, Dan Weiss, Gianluca Petrella, Nicola Andrioli, Philip Catherine, Roberto Cecchetto, Alessio Bertallot, Roberto Cipelli, Javier Girotto, Gianni Iorio, Luca Aquino, Gianluigi Trovesi.



  • Redazione
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:55
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati