Sava

    Il comune di Sava


    Sava

    Sava è una cittadina di terra e mare, che la fertilità della campagna e la vicinanza alle spiagge incantevoli di questo tratto del litorale rendono tappa ideale di un itinerario enogastronomico tipicamente estivo.
    Il suo territorio, tra i più fecondi della provincia, dona in abbondanza prodotti agricoli di ottima qualità, come l'olio d'oliva e i fichi. Ma Sava è nota soprattutto per i suoi vini, la cui gradazione molto sostenuta, conosciuta in tutt'Italia, è utilizzata da numerose aziende per "tagliare" i vini prodotti in altre regioni, anche se in questi ultimi anni si è passati all'imbottigliamento in loco di buona parte del prodotto.
    Posta a 107 metri sul livello del mare, la sua fondazione risalirebbe alla fine del XIV secolo.
    Il Castello in tufo in realtà non è un vero e proprio castello, perché la costruzione ha i caratteri di una dimora gentilizia, quindi sprovvista di fortificazioni, ma presenta un piccolo recinto ed un fossato in difesa dagli attacchi esterni. Ha pianta quadrilatera ed un notevole portale rinascimentale a bugne.
    La festa popolare che si celebra ogni anno in onore di San Giuseppe ha ancora i tratti tipici della tradizione. Insieme al grande falò che si fa ardere per il Santo protettore dei falegnami, si imbandiscono ancora le mattre, sia nelle case che lungo le strade del paese.
    Ai primi del '600 risale la Chiesa Matrice, dedicata al patrono San Giovanni Battista, con l'allungamento della navata centrale e la costruzione di quelle laterali, oggi ha un prospetto dalle linee semplici, in originale contrasto con lo stile barocco della cuspide che svetta sul campanile.
    La Chiesa di San Francesco, ampliata pochi decenni fa, è, invece, della fine dell'800. Il suo interno è impreziosito da numerosi affreschi eseguiti da A. Valzano con episodi tratti dalla Vita del Santo e da G. Bocchetti vincitore del concorso nazionale bandito nel '55 per decorare la grande cupola dedicata alla regalità di Maria
    Degni di interesse sono anche il Limitone dei Greci o paretone (Strada Provinciale per Lizzano - Contrada Camarda), poderosa costruzione di pietre a secco, probabile confine limitaneo tra la zona longobarda e quella bizantina, di cui si conservano resti per un tratto lungo 700 metri circa, delle dimensioni di 5-7metri di larghezza, e la Mmaculata ecchia, cappella dedicata all'Immacolata, edificata nel 1783 con permesso reale di Ferdinando IV.

     

    Questo articolo utilizza materiale tratto dal sito web della provincia di Taranto.



    Gallery
    • Sava - 1/6
    • Sava - 2/6
    • Sava - 3/6
    • Sava - 4/6
    • Sava - 5/6
    • Sava - 6/6


    • Redazione
    • Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2014 - 19:32
    Commenti

    Nessun risultato trovato.


    Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati