Presicce

    Il comune di Presicce


    Presicce

    Presicce è un centro agricolo situato alle falde della serra di Pozzo Mauro.
    L'economia, un tempo prettamente agricola, comincia ora anche a puntare sulla piccola industria. Gli imprenditori locali hanno investito essenzialmente sul comparto calzaturiero, su quello tessile e su quello mobiliero.
    La nascita del paese risale al IV secolo e si deve, secondo gli studiosi, ad un lungo periodo di siccità che colpì i casali di Ugento, Specchiano e Pompiniano. Gli abitanti di questi villaggi dovettero per questo emigrare, in cerca di acqua, verso una zona vicina ricca di falde acquifere, Presicce; qualcuno lo fece solo temporaneamente, qualcuno invece definitivamente, dando così vita ad un nuovo insediamento urbano. Nulla si sa su cosa accadde nei secoli successivi; testimonianze storiche attendibili si hanno nuovamente a partire dall'XI secolo, quando Presicce apparteneva al principato di Taranto.
    Da questo periodo la storia di Presicce va di pari passo con quella delle famiglie dei nobili che si sono succeduti nel Feudo. Nel 1190 re Tancredi la donò al Cavaliere Securo; nel 1340 appartenne a Giovanni Barrile, nel XV secolo Maria D'Enghien, Contessa di Lecce la donò a Ila famiglia Dreimi. Si succedettero poi gli Orsini del Balzo, i Gonzaga, i Cito ed altri. Patrono di Presicce è Sant'Andrea di cui festeggiamenti si svolgono molto sentitamente il 30 novembre.


    Gli abitanti di Presicce sono chiamati "mascarini" (uomini che agiscono solo se irriconoscibili), per porre l'accento alla loro ambiguità. Ciò scaturisce da un fatto di sangue realmente accaduto nel 1655, All'epoca era signore del paese Carlo Bartilotti, uomo spregevole sotto ogni punto di vista ed odiato da tutti i sudditi. Quando decise di ripristinare il famigerato "jus prime noctis" (tutte le spose di Presicce avrebbero dovuto concedersi prima a lui che ai rispettivi mariti), gli abitanti del paese, per vendicarsi, decisero di spaventarlo, sparandogli addosso alcuni colpi di fucile a salve. L'occasione proprizia si presentò durante i tradizionali festeggiamenti del carnevale. Un gruppo di mascherati sparò contro il Bartilotti, uno di loro, però, mettendo in atto la più crudele delle vendette, aveva caricato il fucile con cartucce vere ed il crudele signor Carlo fu colpito a morte.



    Gallery
    • Presicce - 1/3
    • Presicce - 2/3
    • Presicce - 3/3


    • Redazione
    • Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2014 - 19:28
    Commenti

    Nessun risultato trovato.


    Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati