Rukku.it

Torna al Fondo Verri il Gran Bazar, banco dell'editoria, degli autori e della poesia salentina

A distanza di sette anni torna la vetrina culturale ispirata all’esperienza di Antonio Verri.

Dal 23 Ottobre 2013 - 00:00

Al 27 Ottobre 2013 - 00:00


Torna al Fondo Verri il Gran Bazar, banco dell'editoria, degli autori e della poesia salentina

Il Fondo Verri di Lecce, prezioso spazio culturale della città, torna ad accogliere il “Gran Bazar”, il banco dell’editoria, degli autori e della poesia salentina. A distanza di sette anni torna l’iniziativa ispirata dall’esperienza del banco letterario che Antonio Verri, negli anni Ottanta, inaugurò con il “Caffè Greco” e il “Pensionante de’ Saraceni”. Un luogo ideale di scambio, di vendita e di discussione sulla scrittura.

Protagonisti dei cinque giorni sono gli autori, con il racconto diretto dei loro lavori. Il titolo della prima serata, mercoledì 23, è “Da dove partire?”. 
Un’apertura affidata alla filosofia e al raccontare, alle 19, con un dialogo tra Mario Carparelli autore de “Il più bello e il più maligno spirito che io abbia mai conosciuto” (I centotalleri) e Ada Fiore, autrice di “Vota Socrate” (Lupo). Alle 20.30, Santa Scioscio e Caterina Gerardi presentano la mostra “I collage cuciti per raccontare Rina Durante” e, a seguire, proiezione del film “L’isola di Rina. Ritorno a Saseno”, di Caterina Gerardi (Milella).

“Il teatro e la macchina uomo” è invece il titolo della seconda serata, giovedì 24. Alle 19 Francesca Manno presenta il suo “Attore e mimo dionisiaco. Nietzsche, Wagner e il teatro d’avanguardia francese” (Edizioni Ets) e, a seguire, Antonio Zoretti con le pagine di Carmelo Bene il fenomeno e la voce” (Lupo).

Venerdì 25, tema della serata è “La scorta per la monda. Omaggio al presente di Antonio L. Verri”. Dopo un prologo di Maurizio Nocera, alle 19.30, l’appuntamento continua con Francesco Aprile che presenta “Con gli occhi al cielo aspetto la neve. Antonio Verri la vita e le opere” di Rossano Astremo (Manni) e ancora Simone Giorgino (accompagnato in una performance poetico-pittorica da Orodè Deoro) parla del suo “Antonio L. Verri. Il mondo dentro un libro”(Lupo). Nel corso della serata Simone Franco racconta il suo spettacolo “Fabbricanti di armonie” e Fernando Bevilacqua illustra il suo progetto “Caprarica del Poeta”.

È dedicata al “far versi” la serata di sabato 26 con “La poesia si stia povera!”. Ad aprire la serata, alle 19, un prologo del poeta, giornalista e critico Enzo Mansueto. A seguire Stefano Cristante presenta i versi del suo “Anima lunga” (Besa), quindi Elio Ria, con “Poesia, ragazza mia” (Lettere Animate) e, a chiudere, Elio Coriano accompagnato da Vito Aluisi, legge “Für ewig 3” (Lupo), poema dedicato ad Antonio Gramsci.

Domenica 27, per “Contemporanea”, alle 18, Piero Manni presenta con l’autore Enzo Ligori “Il Novecento che ho conosciuto” (Manni). A seguire, per “La poesia si stia povera!”, alle 19.30, Elio Scarciglia presenta il libro-film “Canto senza voce di Claudia Ruggeri” (Terra d’Ulivi). E con la poesia chiude il Gran Bazar, alle 20.30, con una festa-recital dei versi di  Ler Poeta, Matteo Maria Orlando, Rosemily Paticchio, Irene Ester Leo, Ilaria Seclì. 

Fondo Verri è a Lecce, in via Santa Maria del Paradiso 8.a
(nei pressi della Chiesa del Rosario - Porta Rudiae) telefono 0832-304522
email: marinomauro7@gmail.com



  • Chiara_Pis
  • Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2014 - 21:57
Commenti

Nessun risultato trovato.


Lascia un commento. Per lasciare un commento devi essere registrato Registrati